Al via il Sottodiciotto Film Festival

0
98

Ve ne avevamo già parlato, al via da oggi via a Torino il Sottodiciotto Film Festival & Campus a Torino dal 16 al 19 dicembre: 101 film, tra corti e lungometraggi, rivolti al pubblico di ogni età.

L’edizione 2022, la ventitreesima, è dedicata al tema delle periferie, viste non solo come luoghi di marginalità, ma anche come spazi dove la multiculturalità e le diversità sono occasioni di arricchimento culturale. Sottodiciotto Film Festival

La sezione internazionale dedicata ai lungometraggi, Generazione Futura, diventata da quest’edizione competitiva, presenta sei titoli focalizzati sul mondo dell’infanzia e dell’adolescenza. Il film di apertura, Piano piano, di Nicola Prosatore (già regista della docu-serie Wanna per Netflix), Goy, del messicano Santiago Salinas Sacre, e Camila saldrá esta noche (Camila Comes Out Tonight), dell’argentina Inés María Barrionuevo, costituiscono un trittico di storie al femminile le cui giovanissime protagoniste lottano per emanciparsi.

La voluntaria, della spagnola Nely Reguera, è ambientato nel microcosmo dei piccoli rifugiati di una Ong in Grecia, mentre Oltre il confine di Alessandro Valenti affronta il dramma dei minori che, da soli, partono dall’Africa per raggiungere l’Italia, e Beautiful Beings, dell’islandese GuÐmundur Arnar GuÐmundsson, racconta il difficile passaggio all’età adulta di adolescenti outsider, cresciuti in realtà difficili.

Tanti appuntamenti nella ricchissima sezione dedicata all’animazione, a cominciare da quelli con Stefano Bessoni, il mago dell’animazione italiana in stop motion, che, in una lezione-spettacolo (in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema e la Scuola Holden), svelerà al pubblico i segreti dei suoi meravigliosi mondi in miniatura, soavemente inquietanti, e con il nuovo film di Michel Ocelot Le Pharaon, le Sauvage et la Princesse, con cui il grande maestro francese, inventore di Kirikou, torna a lavorare sulla fiaba popolare.