Genova Reloaded 2022, 12 luglio: Giuseppe Bonito presenta “L’Arminuta”

0
174

Quinta giornata del Festival Genova Reloaded 2022. Il concorso nazionale prosegue martedì 12 luglio 2022 alle 21 con LArminuta presentato dal regista Giuseppe Bonito nel Cortile Maggiore di Palazzo Ducale.

Tratto dall’omonimo best seller di Donatella Di Pietrantonio, vincitore del Premio Campiello 2017, è ambientato in Abruzzo nell’estate del 1975. Una ragazzina di 13 anni scopre di non essere la figlia delle persone con cui è cresciuta e viene restituita alla sua famiglia biologica.

Diventa così “l’arminuta”, cioè la ritornata. Passa da un’agiata esistenza piccolo borghese a una vita nelle campagne abruzzesi in cui regnano la povertà e la mancanza di cultura. «Mi piaceva l’idea – ha dichiarata il regista, nato a Polla in provincia di Salerno nel 1974 – di raccontare una storia di sole donne. Ciò che di importante avviene nel film è veicolato dalle donne, gli uomini sono solo accessori.

C’è il tema della maternità, così imperfetta. C’è lo spaesamento e nello stesso tempo la riappropriazione di qualcosa di importante, cioè le radici. In fondo le due sorelle che imparano a conoscersi, Adriana e l’Arminuta, rappresentano due Italie che procedono a due velocità diverse.

Da una parte c’è la realtà rurale, arcaica, ancestrale, antica dove si parla il dialetto, dall’altra la nazione moderna, propulsiva, positiva e borghese dove si parla italiano. Mi piacerebbe dare voce a un’Italia più interna che credo in questi ultimi decenni sia stata molto svilita».

Giuseppe Bonito ha esordito alla regia nel 2012 con Pulce non c’è. Nel 2020 è uscito Figli, scritto da Mattia Torre e tratto dal suo monologo “I figli invecchiano”, interpretato da Valerio Mastandrea, protagonista anche nella pellicola cinematografica.

Torre, morto di malattia nel 2019 prima dell’inizio delle riprese, ne ha affidato la realizzazione a Bonito, che era stato suo assistente alla regia nella serie televisiva Boris. Bonito sarà intervistato da Giorgio Viaro, insieme ad Alessandro Giacobbe direttore artistico del festival organizzato da Circuito/Alesbet.

Le sei opere in gara per il concorso nazionale Genova Reloaded – “Ariaferma” di Leonardo di Costanzo, “Piccolo corpo” di Laura Samani, “Il legionario” di Hleb Papou, “A Chiara” di Jonas Carpignano, “L’Arminuta” di Giuseppe Bonito e “Giulia” di Ciro De Caro e Rosa Palasciano – sono sottoposte alla valutazione di tre giurie.

Oltre al Premio al Miglior Film, conferito dalla giuria tecnica composta da Maura Delpero, Luca Massa e presieduta da Giuseppe Piccioni, verranno assegnati il Premio Giuria Giovani e il Premio del Pubblico. Ogni spettatore può esprimere il suo parere votando sì o no sulle schede da imbucare nell’urna alla fine di ogni proiezione.

Al vincitore del Premio Genova Reloaded 2022 come Miglior Film vengono garantite una serie di proiezioni nelle sale o nelle arene di Circuito, in coerenza con l’obiettivo concreto di sostenere la visione nella sale.

Il Festival Genova Reloaded 2022 prosegue tutti i giorni fino al 14 luglio.

Informazioni e prenotazioni su www.genovareloaded.it e www.circuitocinemagenova.com

Tel. 010 583261 – 010 5532054

Tutti gli incontri sono condotti da Giorgio Viaro.

Studenti e docenti della SDAC – Scuola d’Arte Cinematografica intervisteranno gli ospiti della manifestazione

BIGLIETTI:
Intero: € 8
Ridotto: € 7
Film in concorso: € 5

In vendita on line su www.circuitocinemagenova.com, presso le biglietterie delle sale di Circuito, al botteghino dell’Arena di Palazzo Ducale e di Circuito sul Mare a Sturla da mezz’ora prima l’inizio della proiezione, al Totem nel Cortile Minore di Palazzo Ducale

In caso di pioggia le proiezioni previste al Ducale saranno trasferite al cinema Sivori