I VINCITORI del 37esimo TORINO FILM FESTIVAL

0
55

Tutti i vincitori dei premi ufficiali dell’edizione 2019 del Torino Film Festival.

La Giuria di Torino 37 – Concorso Internazionale Lungometraggi, presieduta da Cristina Comencini (Italia) e composta da Fabienne Babe (Francia), Bruce McDonald (Canada), Eran Riklis (Israele), Teona Strugar Mitevska (Macedonia)

TORINO 37

Miglior film:

HVÍTUR, HVÍTUR DAGUR / A WHITE, WHITE DAY di Hlynur Pálmason (Islanda/Danimarca/Svezia)

Premio Fondazione Sandretto Re Rebaudengo:

LE RÊVE DE NOURA di Hinde Boujemaa (Tunisia/Francia/Qatar)

Premio per la Miglior attrice:

VIKTORIA MIROSHNICHENKO e VASILISA PERELYGINA, per il film Dylda / Beanpole di Kantemir Balagov (Russia)

Premio per il Miglior attore:

GIUSEPPE BATTISTON e STEFANO FRESI per il film Il grande passo di Antonio Padovan (Italia)

Premio per la Miglior sceneggiatura:

WET SEASON di Anthony Chen (Singapore /Taiwan)

PREMIO DEL PUBBLICO
MS. WHITE LIGHT di Paul Shoulberg (Stati Uniti)

TFFdoc

La Giuria di Internazionale.doc composta da Sara Fattahi (Siria), Vladimir Perisic (Serbia), Erik Negro (Italia)

INTERNAZIONALE.DOC
Miglior film per Internazionale.doc:

143 RUE DU DESERT di Hassen Ferhani (Algeria/Francia/Qatar)

Premio Speciale della giuria per Internazionale.doc:

KHAMSIN di Grégoire Couvert e Grégoire Orio (Francia)

ITALIANA.DOC:

Miglior film:

FUORI TUTTO di Gianluca Matarrese

Premio Speciale della giuria per Italiana.doc:

L’APPRENDISTATO di Davide Maldi

ITALIANA.CORTI:

SPERA TERESA di Damiano Giacomelli

Premio Speciale della giuria a:

LA BUCA di Dario Fedele

PREMIO FIPRESCI (Premio della Federazione Internazionale della Stampa Cinematografica):

LE RÊVE DE NOURA di Hinde Boujemaa (Tunisia, Francia, Qatar)

PREMIO CIPPUTI
Il Premio Cipputi 2019 – Miglior film sul mondo del lavoro:

OHONG VILLAGE di Lungyin Lim (Taiwan/Repubblica Ceca)

PREMIO CINEMA D’AQCUA | Prima edizione del concorso per cortometraggi italiani organizzato collaborazione con QC TERME:

APOLLO 18 di Marco Renda

PREMIO TORINO FACTORY ex-aequo a:

MANUALE DI STORIE DEI CINEMA di Stefano D’Antuono e Bruno Ugioli

e

SELENE di Sara Bianchi